Eleonora Alessi è un artigiana Palermitana laureata e specializza in disegno industriale. L'interesse verso lo studio delle tecniche di lavorazione dei metalli e del design del gioiello l’hanno portata ad intraprendere un' attività volta alla progettazione 2D e 3D tramite l’uso del computer e realizza i suoi prodotti fondendo le antiche tradizioni del cesello e dell'oreficeria con le più nuove forme di assemblaggio.

L’uomo ha sempre avuto la necessità di imprimere un segno e di rappresentarsi attraverso esso, partendo dai disegni rupestri fino ad arrivare al gioiello attraverso cui il segno, il dettaglio definisce l’eleganza. Il gioiello non è una semplice espressione di vanità e seduzione, ma associa alla funzione decorativa una moltitudine di significati che lo trasformano a tutti gli effetti in un codice di comunicazione complesso e affascinante.

Uno dei suoi progetti più interessanti è Percorsi, la bellezza rappresentata attraverso l’intreccio geometrico di rosoni e finestre Palermitane. La Collezione Percorsi è formata da ciondoli, bracciali e orecchini, che riprendono i disegni delle decorazioni a tarsia lavica situate nel prospetto orientale della Cattedrale di Palermo e del Duomo di Monreale e i disegni delle finestre con archi ciechi e ghiere situate in alcuni dei più importanti siti monumentali come la Chiesa di San Cataldo e la Cappella Palatina. Nel 2010 grazie all’Associazione Alab ha aperto il suo laboratorio alla Discesa dei Giudici nel cuore pulsante del centro storico.

Le tarsie laviche sono figure geometriche o floreali in pietra lavica alloggiate in conci di tufo, in cui la pietra veniva lavorata così tanto in profondità fino da sembrare un vero e proprio ricamo proprio come i gioielli da lei realizzati.

Eleonora Alessi e designer e artigiana palermitana, è laureata e specializzata in disegno industriale presso l’università di architettura di Palermo, e qualificata come orafo presso la scuola di formazione Arces, grazie all’Associazione Alab ha aperto il suo laboratorio alla Discesa dei Giudici nel cuore pulsante del centro storico.